mercoledì 22 settembre 2021
My AltamuraWeb
Inserisci la tua vetrina
Info e contatti
 
     
 
Home Page Città e Info Turismo Multimedia Community Forum Shopping Vetrine My   Sei già registrato? Accedi
 
   
 
Città e info
Home Page Città e info
Informazione ad Altamura
Appuntamenti ed eventi
Associazioni e gruppi
La storia
Comune di Altamura
Numeri utili
Farmacie
Cinema e teatro
Meteo
 
Informazione ad Altamura
LAVORI AL PALAZZO SANTA CROCE SVELANO LA STORIA
LAVORI AL PALAZZO SANTA CROCE SVELANO LA STORIA
sabato 17 marzo 2012
Condividi su Facebook
Riservano sorprese i lavori di ristrutturazione del Palazzo Santa Croce, nel centro storico di Altamura. Durante i saggi archeologici è riemersa l'antica pavimentazione, insieme ad altri elementi architettonici. E tutto è oggetto di approfondimento.

Lo ha reso noto l'Amministrazione comunale di Altamura in un comunicato.

Hanno avuto inizio in data 11.01.2012 i lavori di “Recupero architettonico e funzionale dell’ex Monastero di Santa Croce per la realizzazione di un ostello della gioventù ed un museo della pietra” finanziato dalla Regione Puglia Area politiche per la promozione del territorio, dei saperi e dei talenti, servizio turismo, nell’ambito del Programma stralcio dell’Area Vasta “la Città Murgiana della qualità e del benessere”, PO FESR 2007-2013 asse IV linea d’intervento 4.1 azione 4.1.3 .
I lavori sono eseguiti dall’impresa Gruppo GE.DI srl, costantemente
seguita dalla Direzione dei Lavori e dal Responsabile Unico del Procedimento, con l’alta sorveglianza della Soprintendenza per i beni Architettonici e Paesaggistici e la Soprintendenza per Beni Archeologici della Regione Puglia.

La prima fase dei lavori ha interessato il piano terra dell’immobile. Come da prescrizione della Soprintendenza per i Beni Archeologici venivano effettuati saggi preventivi alla rimozione dei pavimenti. Già dalle prime battute si comprendeva che al di sotto del pavimento esistente si sarebbero trovate interessanti “sorprese”.
Ed infatti, per gran parte del piano terra si ritrovava il pavimento in basole originario “chianche”….e non solo…boccagli di pozzi, botole di accesso a vani interrati sino ad oggi nascosti dall’attuale pavimentazione.

Intanto, negli ambienti che non hanno sottostanti vani interrati, procedono le operazioni di scavo archeologico, effettuati da un archeologo, regolarmente iscritto negli elenchi della Soprintendenza. I rilievi grafici e fotografici con le relative relazioni vengono quotidianamente aggiornate dall’archeologo per rendicontare in seguito alla Soprintendenza gli esiti degli scavi.
"Tali lavori - afferma l'Amministrazione - sono l’occasione per rileggere e comprendere non solo le fasi costruttive dell’immobile ma parallelamente ad esso lo sviluppo del tessuto urbano della città antica
di Altamura. La coscienza di questa opportunità vede coinvolti l’impresa Gruppo GE.DI srl, i progettisti, il Direttore dei Lavori, il Responsabile Unico del Procedimento, la Soprintendenza per i Beni
Archeologici e l’Archeologo ed altri studiosi in uno studio approfondito sia dell’ex Monastero e dei suoi dati architettonici, della documentazione d’archivio rinvenuta nei locali attualmente oggetto dell’intervento e già depositata, schedata ed inventariata nell’Archivio storico comunale, dove si conserva l’Archivio aggregato del Conservatorio Santa Croce, integrando ricerche presso altri archivi quali quello Capitolare presso Curia diocesana, quello dell’ABMC , Archivio di Stato di Bari, Archvio di stato di Napoli".
Fonte: notizie on line
 
 
Eventi e bandi
Visualizza tutti gli eventi Segnalaci un evento
 
 
Stampa articolo
 
Registrati e invia SMS Gratis!!!
 
     
     
 
Copyright © 2021 - AltamuraWeb il portale di Altamura - Tutti i diritti riservati
Totale visite: 12.229.012 - Visitatori collegati: 3094