venerdì 15 ottobre 2021
My AltamuraWeb
Inserisci la tua vetrina
Info e contatti
 
     
 
Home Page Città e Info Turismo Multimedia Community Forum Shopping Vetrine My   Sei già registrato? Accedi
 
   
 
Città e info
Home Page Città e info
Informazione ad Altamura
Appuntamenti ed eventi
Associazioni e gruppi
La storia
Comune di Altamura
Numeri utili
Farmacie
Cinema e teatro
Meteo
 
Informazione ad Altamura
Costi della politica, anche in Puglia scoppia il caso
Costi della politica, anche in Puglia scoppia il caso
martedì 19 luglio 2011
Condividi su Facebook
In Puglia i costi della politica diventano un caso. I consiglieri regionali, i meglio remunerati in Italia, possono chiedere le indennità non ricevute a partire dal 2006 quando ci fu un taglio del 10 %. Si dice nettamente contrario l'ex presidente del Consiglio regionale, Pietro Pepe (nella foto).

In tempi economici e sociali molto difficili, mentre ai cittadini vengono richiesti ulteriori sacrifici economici ma senza adeguati contrappesi nel taglio dei privilegi dei parlamentari, sul web fa furore il blog di un precario (un assistente parlamentare?) che svela "i segreti della Casta". Rivelazioni che hanno dello scandaloso. Perché come se non bastassero le munifiche indennità e i tanti benefits già conosciuti, a cui si aggiungono anche le tariffe super-scontate per i telefonini, gli sconti fino al 20% per l'acquisto di un'autovettura, i permessi per la Ztl, i viaggi gratis per sé e per mogli, figli e amici, la "talpa" denuncia addirittura che i parlamentari presentano finte denunce di furti di pc portatili per ottenere i rimborsi. Sono denunce molto pesanti su cui, senza agitare "lotte di classe, bisogna fare luce. E possibilmente provvedere a rimuovere tali situazioni.

In Puglia per i costi della politica si è aperto un nuovo caso. Nel 2006 all'unisono il Consiglio regionale, sulla base della Finanziaria, decise di tagliarsi gli "stipendi" del 10%. Oggi, per una curiosissima coincidenza legata ad una sentenza della Corte costituzionale che impone alle Regioni di ripianare le situazioni pregresse, i consiglieri regionali possono chiedere la restituzione delle somme "tagliate". Sono 50 le istanze presentate per ottenerle.

Pietro Pepe ricorda che quando ci fu il taglio tutti furono "d'accordo". Inizialmente in pochi, poi si decise in modo unitario di decurtare il 10%. Pepe non chiederà niente. "Non è morale - dice - rivendicare un risarcimento quando tutti sono chiamati a fare sacrifici. Nel 2006 decidemmo tutti d'accordo, convincendo anche quelli che non lo erano. Occorre trovare una soluzione condivisa in un clima di confronto democratico e non in uno di "invidia sociale" tra la gente comune, costretta ai sacrifici, e la politica, che vuole evitarli". Le proposte per uscire da tale situazione? La restituzione delle somme o l'utilizzo per scopi sociali. Oppure, a monte, una revisione normativa.
Fonte: notizie on line
 
 
Eventi e bandi
Visualizza tutti gli eventi Segnalaci un evento
 
 
Stampa articolo
 
Registrati e invia SMS Gratis!!!
 
     
     
 
Copyright © 2021 - AltamuraWeb il portale di Altamura - Tutti i diritti riservati
Totale visite: 12.273.346 - Visitatori collegati: 552