venerdì 15 ottobre 2021
My AltamuraWeb
Inserisci la tua vetrina
Info e contatti
 
     
 
Home Page Città e Info Turismo Multimedia Community Forum Shopping Vetrine My   Sei già registrato? Accedi
 
   
 
Città e info
Home Page Città e info
Informazione ad Altamura
Appuntamenti ed eventi
Associazioni e gruppi
La storia
Comune di Altamura
Numeri utili
Farmacie
Cinema e teatro
Meteo
 
Informazione ad Altamura
Altamura e le inchieste, deputato Pd interroga ministro Maroni
Altamura e le inchieste, deputato Pd interroga ministro Maroni
sabato 5 marzo 2011
Condividi su Facebook
I presunti “collegamenti radicati”, riportati dalla stampa, tra il clan capeggiato da Bartolo Dambrosio, ucciso ad Altamura lo scorso 6 settembre, e “ambienti del Consiglio Comunale, soprattutto in relazione agli interessi attinenti la gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti” sono al centro di una interrogazione parlamentare presentata al ministro dell’Interno, Roberto Maroni, dal deputato barese del Partito Democratico, Dario Ginefra.

"Una situazione incresciosa", la definisce Ginefra che ricorda le ormai note dichiarazioni di esponenti politici del Comune di Altamura, in particolare del presidente del Consiglio Nico Dambrosio (Pdl), peraltro parente della vittima, e dell’assessore alla Cultura Giovanni Saponaro, in cui si esprimevano “apprezzamenti positivi” nei confronti del presunto boss che hanno destato "profonda incredulità nella comunità altamurana".

Il deputato sottolinea la successiva stigmatizzazione e la richiesta di dimissioni del presidente dell’Assemblea fatte dal sottosegretario Alfredo Mantovano e dallo stesso sindaco Mario Stacca, che riteneva “la sua figura ormai compromessa”. Pressioni che non sono servite visto che Dambrosio è rimasto al suo posto grazie anche a una sentenza del Tar, spingendo lo stesso primo cittadino, in una sorta di braccio di ferro, a rassegnare le sue dimissioni, poi ritirate. "Pur in assenza delle auspicate dimissioni del Presidente del Consiglio, il Sindaco pochi giorni dopo ha ritirato le proprie dimissioni lasciando inalterato il quadro politico pur fortemente scosso dagli eventi", scrive il parlamentare.
Ginefra chiede a Maroni cosa intende fare di fronte a “una situazione da troppo tempo tenuta in sospeso e che mina la credibilità delle istituzioni agli occhi dei cittadini”.

Dal canto suo Stacca ricorda al deputato del Pd che il contratto con la Tradeco “è stato sottoscritto dal sindaco Rachele Popolizio e dal centrosinistra che annoverava personaggi politici vicini all’azienda. Questi fatti andrò a riferirli in Procura. Per quanto mi riguarda c’è moralità e onestà da vendere”.

Il sindaco spiega poi in una nota che l’iniziativa parlamentare dell’onorevole Ginefra, "indotto in errore dal Pd di Altamura, non ha ragion d'essere. La sua ricostruzione è infatti incompleta perché, circa le vicende del presidente del Consiglio Comunale, è stato il Tar di Bari a decidere di sospendere la delibera del Consiglio stesso, votata all’unanimità, Pd compreso, contenente una mozione di sfiducia nei suoi confronti. Ne ho preso atto come ne ha preso atto il sottosegretario Mantovano. Inoltre, quanto alle 'indiscrezioni di stampa' ed ai presunti collegamenti con la questione rifiuti, c’è già la Magistratura che autorevolmente sta svolgendo le sue attività di accertamento".
Stacca aggiunge che "già dal 2006 la mia Amministrazione ha chiesto la chiusura della discarica privata di Altamura che è avvenuta materialmente solo nel 2008 per decreto del presidente della Giunta Regionale, Nichi Vendola. Pertanto se ci sono 'interessi attinenti la gestione del servizio di raccolta e smaltimento di rifiuti' devono ricercarsi nel periodo antecedente all’Amministrazione da me presieduta a partire dal 2005. Per opportuna conoscenza, si precisa che l’attuale gestore ha iniziato il suo rapporto con il Comune di Altamura nel lontano 1986 e che dal 1987 ha gestito la discarica di sua proprietà, concessa sempre da un’Amministrazione di sinistra. Questa è la storia vera. Siamo quindi di fronte ad un grave rovesciamento della realtà e ad una campagna mediatica diffamatoria che non troverà riscontro in quanto gli atti di questa Amministrazione sono sempre stati improntati alla legittimità ed al rispetto delle leggi e delle regole".

Circa il giudizio, ribadito recentemente da Mantovano, sulla inopportunità della carica ricoperta da Nico Dambrosio, Stacca evidenzia “che il sottosegretario ha dovuto prendere atto come me della decisione del Tar. Voglio ricordare però che il Tribunale Amministrativo è un organo dello Stato”.

Ieri il Movimento civico Aria Fresca ha chiesto lo scioglimento del Consiglio. Su questo argomento il sindaco sottolinea che “allora anche il Consiglio regionale dovrebbe essere sciolto per quello che è stato combinato in campo sanitario”.



--------------------------------------------------------------------------------
Fonte: http://altamura.virgilio.it/notizielocali/Altamura-e-le-inchieste-deputato-Pd-interroga-ministro-Maroni-28605674.html
 
 
Eventi e bandi
Visualizza tutti gli eventi Segnalaci un evento
 
 
Stampa articolo
 
Registrati e invia SMS Gratis!!!
 
     
     
 
Copyright © 2021 - AltamuraWeb il portale di Altamura - Tutti i diritti riservati
Totale visite: 12.273.399 - Visitatori collegati: 611